Articoli

Open Day - OSTUNI OstuniLogo

Il centro benessere dimagrimento ed estetica avanzata  overclass  “Essere “  per serietà e importanza avvia un nuovo progetto  che  ha richiamato intorno a sé un’équipe costituita, oltre che da colei che rappresenta il centro stesso,  Mina Carbotti,  da diversi professionisti che hanno voluto mettere la propria esperienza al servizio dei clienti : la Dott.ssa Mariagrazia Tedesco, Biologa Nutrizionista, Perfezionata in Biologia della Nutrizione e il Dott. Natalino Petti, Psicologo, Dottore in Naturopatia.

La serietà e la preparazione dello staff che seguirà il cliente con attenzione in tutto il percorso personalizzato regalerà la giusta serenità per migliorare il proprio stile di vita, affidandosi alle mani esperte di seri professionisti del settore.


Ogni cliente avrà un proprio Programma  dedicato al raggiungimento di un duraturo riequilibrio ponderale e metabolico, e che aiuterà  a ritrovare un sano rapporto con il cibo e con se stesso mediante un sistema d'integrazione tra diverse discipline quali l'Estetica , la Dietologia e la Psicologia.

Al centro del nostro programma c’ è la persona in quanto tale.

La invitiamo al nostro OPEN DAY, che si terrà il 13 ottobre 2011 presso il centro Essere, viale Francesco Crispi, 73, Ostuni dalle ore 10:00 alle 19:00. Durante questa giornata la nostra equipe sarà al completo per poter rispondere alle domande dei clienti e per permettere a tutti di conoscere il nostro MODUS OPERANDI.

 

L’IMPORTANZA DELLA FIBRA PREBIOTICA NELLA DIETA

 

Chiarito ancora una volta il concetto secondo il quale dieta vuol dire semplicemente “stile di vita”, vorrei focalizzare l’attenzione sull’enorme importanza che la FIBRA assume nella nostra alimentazione. In questo articolo vorrei focalizzare la Vostra attenzione su quel tipo di fibra che è in grado di modificare selettivamente la microflora intestinale umana. Tra i numerosi oligosaccaridi che manifestano caratteristiche funzionali prebiotiche i più impiegati sono di certo inulina e frutto-oligosaccaridi. Entrambi sono costituiti da fruttosio e gli alimenti in cui li possiamo trovare sono principalmente: radice di cicoria, aglio, carciofo, cipolla, asparago, topinambur e in misura ridotta anche in orzo, farina di segale, grano tenero e banana.

Inulina e oligofruttosio hanno la capacità di essere substrato per la flora enterica che è in grado di idrolizzarli e fermentarli, poiché sfuggono alla digestione da parte dell’intestino tenue.

Ciò che ne deriva è:

  • Incremento del carico fecale;

  • Produzione di acidi grassi a corta catena (utilizzati con produzione di energia);

  • Effetto prebiotico (con questo termine si intende la capacità di un carboidrato indigeribile di modificare in modo positivo la microflora intestinale umana).

L’impiego di inulina e frutto-oligosaccaridi comporta una notevole riduzione dei livelli dei trigliceridi e del colesterolo. Un eccessivo aumento di tali nutrienti potrebbe comportare fenomeni quali diarrea, flatulenza e gonfiori addominali, ma basterebbe limitarsi ad un consumo massimo di tali sostanze intorno ai 20 g/die, quantità più che sufficiente per permettere il manifestarsi di effetti “funzionali” positivi, senza che risulti eccessivo il rischio di effetti collaterali.

 

CON IL NUOVO ANNO ARRIVANO ANCHE I SENSI DI COLPA … COLPA DEL PANDORO?

 

Il dolce va per ultimo, a Capodanno ci vogliono le lenticchie, il pranzo di Natale è costituito da tantissime portate … molte delle nostre scelte alimentari sono dettate da regole sociali : ogni nostra abitudine parla di noi e ci descrive all’interno di una cultura e ci distingue dalle altre.

Proprio nei giorni appena trascorsi la nostra alimentazione è stata  strettamente legata alla  cultura religiosa. I giorni di festa, quale Natale, Capodanno e l’ Epifania e le rispettive vigilie hanno fatto si che ognuno di noi  abbia trascorso a tavola e vicino ai propri cari e amici gran parte del tempo: abbiamo condiviso pietanze gustose e dolci, molto spesso  eccedendo.

Il periodo delle festività Natalizie è uno dei più belli di tutto l’anno ed è proprio a tavola che si può cogliere maggiormente l’unione che si viene a creare tra di noi in questi giorni di festa, tra pranzi, cene, tombolate, senza considerare le  colazioni accanto all’albero di Natale con i dolci a nostra disposizione.

Con l’arrivo del nuovo anno, però, ci ritroviamo puntualmente con i sensi di colpa e qualche chilo in più!

Ecco come cominciare il nuovo anno correttamente:

Nulla di irrisolvibile, basta ritrovare un equilibrio che è dettato dal buon senso, senza bisogno di diete magiche (perché  non esistono)..e se i chili erano in eccesso ancora prima delle festività,  sarebbe opportuno cominciare il nuovo anno prendendoci più cura di noi stessi e decidendo di metterci  seriamente “a regime”, e poi come si dice: anno nuovo, vita nuova!

Questo è il periodo migliore per iniziare una dieta alimentare, poiché, non si ha ancora  l’ansia della prova costume, quindi, cominciando da ora a seguire una corretta alimentazione che ci porti ad avere qualche chilo in meno, ci farebbe arrivare al periodo primaverile ed estivo (periodo in cui abbiamo la necessità di scoprirci e pertanto dover mostrare il nostro corpo) ben preparati,  addirittura potremmo essere anche felici e soddisfatti di poter “esibire” il nostro corpo in splendida forma e , cosa principale, stare finalmente bene con noi stessi!

Non attendiamo altro tempo, è questo il periodo propizio per prenderci cura del nostro organismo, per trovare serenità e armonia con noi stessi e cominciare così, con un sorriso, il nuovo anno!

 

DIMAGRIRE MANGIANDO PANE E PASTA

 

Riuscire a perdere chili e rimettersi in forma non vuol dire rinunciare alla buona tavola e soprattutto a ciò che piace di più alla maggior parte di noi : IL PANE E LA PASTA! Si può, infatti, dimagrire bene senza rinunciare né all’uno né all’altra, pertanto, evviva i carboidrati!
Si possono proporre, pertanto, anche piani alimentari improntati proprio sul consumo di cereali raffinati e soprattutto integrali, in quanto essi sono alimenti che soddisfano la psiche e non solo, poiché sono in grado di apportare un senso di sazietà più prolungato nel tempo.
Il pane e la pasta prodotti con farina integrale hanno riacquistato in questi ultimi anni notevole importanza per le funzioni biologiche svolte da alcuni costituenti (fibre alimentari, vitamine e Sali minerali di cui la farina integrale è ricca); in particolare, la presenza della crusca, nel pane integrale, stimola la peristalsi intestinale con il rafforzamento delle difese contro lo sviluppo di germi patogeni, aumenta il volume del
bolo intestinale e delle feci. E’ possibile , per alcuni soggetti, stabilire delle diete dimagranti efficacissime a base principalmente di carboidrati!
Sarebbe un sogno per molti di noi riuscire a dimagrire mangiando un bel piatto di pasta o un bel panino
farcito, vero? Bene … non è un sogno, ma è possibile farlo!

 


Chi è online

 6 visitatori online